Innovare per Vincere

Ricerca & Sviluppo 4.0

Bonus ricerca e sviluppo 2015-2020:

alle imprese che effettuano investimenti incrementali è riconosciuto un credito d’imposta di importo pari al 50%.

Il Credito d’Imposta Ricerca e Sviluppo 2019 è un’agevolazione fiscale introdotta dal decreto Destinazione Italia, articolo 3 del Dl. 145/2019 successivamente modificato e riscritto dalla Legge di Stabilità 2015, nel decreto del 27 maggio.

Il Credito d’Imposta si rivolge a tutte le imprese indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano, nonchè effettuino investimenti in attività di Ricerca e Sviluppo.

Il volume minimo di investimento necessari per l’accesso al beneficio è pari a 30.000 euro, mentre il tetto massimo del beneficio spettante ciascun periodo d’imposta è di 20 milioni di euro.

Il meccanismo di calcolo si basa sul differenziale, laddove presente, rispetto alla media degli investimenti in R&S negli anni 2012-2013-2014. Nel caso di Start Up o aziende con pochi anni di vita, il differenziale si calcola sul minor periodo di riferimento.

Con questa agevolazione si recupera il 50% dei costi in Ricerca e Sviluppo volti a realizzare innovazioni di processo fra i quali è ricompreso lo sviluppo sperimentale di applicativi e di software.

La Nostra Mission

Curare un cliente con la stessa differenza che esiste tra il possedere un abito confezionato e un abito creato su misura:
Personalizzazione, cura maniacale e qualità.

Visione Taylor Made

INPRES Istituto Nazionale Per Ricerca e Sviluppo nasce come boutique sartoriale nel campo della Ricerca e Sviluppo.

Il Nostro Modello

Generare liquidità a costo zero 
Compenso Success FEE: 
Solo a risultato ottenuto e certificato.

Metodo INPRES

In 4 Fasi

Business Canvas

  • Prima conoscenza azienda
  • Compilazione Canvas
    (presente - passato - futuro)
  • Avvio Iter stima di fattibilità

Stima di Fattibilità

  • Analisi documenti e bilanci
  • Mandato a procedere
  • Compenso Success Fee
    (zero costi)

Analisi Tecnica

  • Intervista tecnica
  • Elaborazione relazione tecnica
  • Creazione Dossier personalizzato

Consegna Progetto

  • Consegna dossier
  • Certificazione Credito d'Imposta
  • Garanzie assicurative

1. primo incontro

Business Canvas

I Nostri Professionisti iniziano da una conoscenza dell’imprenditore, dei suoi interessi, dei suoi sogni e di come ha condotto e di come intende svilupparla, attraverso un’intervista guidata.
Prende forma il Business Canvas; un documento utile a riconoscere le modalità operative e gli obiettivi da raggiungere. 

Su misura è più di un servizio: è un’esperienza. 
Comincia con un incontro tra lei e il suo sarto.
Procedere ad una selezione tra le mazzette dei migliori tessuti italiani e Inglesi e le peculiarità del tessuto, il peso del tessuto, la finezza del filato.
Il Sarto con la sua esperienza prende le misure anatomiche del cliente, ma nello stesso momento, ne annota le caratteristiche fisiche, memorizza il posizionamento e si informa sull'uso cui sarà destinato.

La Misurazione

2. secondo incontro

Stima di fattibilità

Dopo aver ricevuto dall’azienda la lista documenti inizia la prima stima di fattibilità. Ora è il momento della scelta: quali progetti, elaborazioni, prototipi, procedure, risorse interne ed esterne sono afferenti e quindi includibili nel progetto per la ricerca e la certificazione dei Crediti d’Imposta per Ricerca e Sviluppo? Con il secondo incontro in azienda presentiamo la stima di fattibilità, se soddisfacente avviamo gli accordi per l’avvio dell’iter tecnico e contrattuale.

La nostra metodologia è Success Fee

La parte più emozionante della creazione del vestito su misura è il momento del taglio personalizzato del tessuto. È allora che viene alla luce il vero potenziale del tessuto e l’abito inizia a prendere vita.
Il capo prende forma. Ogni pezzo viene lavorato da un sarto specializzato.
Tutti i sarti, insieme, provvedono alla cucitura dei completi su misura.

Prima Lavorazione

3. terzo incontro

Analisi Tecnica

Colloquio relativo alle attività dell’azienda, ai processi, alle risorse ed ai titoli di ricerca & sviluppo.

Intevista approfondita ai responsabili aziendali coinvolti nel progetto per gli anni sotto analisi.

Il Revisore Legale esterno (terza parte), assistito dall’Advisor INPRES, elabora il prospetto di rendiconto per una prima sostanziale verifica dei “numeri”. 

Successivamente alla relazione tecnica, inizia la redazione del dossier personalizzato di Ricerca e Sviluppo.

Per la giacca degli abiti su misura ci sono decine di fasi di pressatura distinte. Tale procedura garantisce che i vestiti su misura mantengano la propria struttura unica per sempre.

Cucitura e Pressatura

4. quarto incontro

Consegna Progetto

La Direzione Generale, nelle figure del Responsabile Tecnico e del Responsabile Commerciale del fornitore rivisitano l’intero progetto, coinvolgono le risorse utilizzate per l’elaborazione dello stesso, inseriscono i file presenze e le mansioni ISFOL concordate, elaborano la riclassificazione del bilancio e mandano in stampa il DOSSIER R&S per la successiva consegna finale al cliente.

Nel quarto incontro dal cliente consegniamo il dossier ricerca e sviluppo, il rendiconto economico di dettaglio ed il certificato del Credito d’Imposta per Ricerca e Sviluppo.

Nessuna verifica è più rigorosa del controllo finale, che viene effettuato prima che l’etichetta con il nome del cliente venga cucita sul capo.

Il controllo qualità assicura che gli abiti su misura presto saranno pronti per essere indossati.

Controllo Finale e Consenga

Chi Siamo

INPRES Italia nasce per volontà ed esperienza in materia tecnica, fiscale,  legale e strategica di 4 realtà:

FinQuattro nasce nel 1998 dalla volontà dello studio di commercialisti Maffei & Marraccini e associati esperti in consulenza fiscale, amministrativa e tributaria.

Audirevi S.p.a è una società Italiana indipendente iscritta all’Albo Speciale Consob e al Registro dei Revisori Contabili. Parte del network internazionale Nexia e si occupa di revisione e organizzazione contabile.

Finply Srl è una giovane società di professionisti esperti di sistemi di ottimizzazione aziendali. Il network di professionisti è composto da commercialisti, consulenti del lavoro, revisori.

MSG Consulting Srl è una società di consulenza nata per favorire la crescita e lo sviluppo in chiave 4.0.
Il team è composto da professionisti sinergici nel campo dell’innovazione, generazione di saving, marketing e comunicazione strategica.

Comitato Tecnico Scientifico

Il comitato tecnico scientifico è composto da fiscalisti, ingegneri, analisti e professori che uniscono esperienze trasversali al fine di comporre un abito sartoriale sinonimo di garanzie e qualità.

Ricerca e Sviluppo

Trasformiamo i tuoi investimenti passati, presenti e futuri in un programma di trasformazione e innovazione, andando a certificare i crediti che lo Stato Italiano ha riservato alle aziende innovatrici e avanzate.

Il Governo ha dato vita recentemente a Industria 4.0, che insieme alle recenti norme introdotte in ordine ai temi fiscali, ha generato un importante impulso in riferimento ad alcune applicazioni molto importanti in termini di Credito di Imposta per le aziende produttive e commerciali, che hanno effettuato nel recente passato (2015/2016) o che effettueranno nei prossimi anni (2017/2020) investimenti in ricerca e sviluppo.

Questi crediti avranno valore in fase di compensazione con i debiti fiscali che il cliente dovrà pagare in futuro ed anche con i debiti da sanare relativi a cartelle sospese e/o oggetto di sospesi con l’agenzia delle entrate, generando quindi finanza attiva (cash) immediatamente disponibile all’azienda.

Il 29 luglio 2015 è stato pubblicato (G.U. n. 174) il Decreto del 27 maggio 2015 emanato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico, recante le disposizioni necessarie all’attuazione della disciplina del credito d’imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo di cui all’articolo 3 del Decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, interamente sostituito dall’articolo 1, comma 35 della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (cd. Legge di Stabilità 2015) e poi novellato dall’articolo 1, commi 15 e 16 della Legge 11 dicembre 2016, n. 232 (cd. Legge di Bilancio 2017), nonché le modalità di verifica e controllo dell’effettività delle spese sostenute a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2020.

Il credito d’imposta è attribuito a tutte le imprese che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2020, senza alcun limite in relazione a:

·        Forma giuridica;

·        Settore produttivo (anche agricoltura);

·        Dimensioni (es. in termini di fatturato);

·        Regime contabile.

In particolare, sono inclusi anche: consorzi e reti di imprese; enti non commerciali, Università o altri centri di ricerca, quali soggetti commissionari residenti a cui il committente soggetto non residente ha commissionato la ricerca e sviluppo;
stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di imprese non residenti
A seguito di novella apportata dalla L. 232/2016, per le spese sostenute dal 2017 e anche in funzione di precedenti contratti in corso di esecuzione, il credito d’imposta spetta anche a imprese che operano sul territorio nazionale (residenti o stabili organizzazioni) in base a contratti di committenza con imprese estere, università o altro ente od organismo di ricerca localizzati:– in altri Stati membri dell’Unione europea;

·        Negli Stati aderenti all’accordo sullo Spazio Economico Europeo (membri UE, Norvegia, Islanda e Lichtenstein);

·        In Paesi che consentono un adeguato scambio di informazioni (DM 4 settembre 1996 e successive modificazioni e integrazioni).

·        Soggetti con redditi di lavoro autonomo;

·        Soggetti sottoposti a procedure concorsuali non finalizzate alla continuazione dell’esercizio dell’attività economica;

Non si applica a:

·        Soggetti con redditi di lavoro autonomo;

·        Soggetti sottoposti a procedure concorsuali non finalizzate alla continuazione dell’esercizio dell’attività economica;

Circolari dell’Agenzia delle Entrate N. 5/E del 16/03/2016 e N. 13/E del 24/04/2017.
Modalità di compensazione ed indicazione in dichiarazione.
E’ utilizzabile esclusivamente in compensazione.
Codice tributo “6857”, denominato “Credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo – art. 3, D.L. 23 dicembre 2013, n. 145”, istituito con risoluzione n. 97/E del 25 novembre 2015.
E’ necessario che le compensazioni siano effettuate presentando il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate (Entratel o Fisconline).
Il credito residuo non utilizzato in compensazione può essere fruito nei periodi d’imposta successivi.
Non è soggetto ad alcun limite di utilizzo (NO limite annuale € 250.000 per crediti agevolativi – NO limite generale di compensazione di € 700.000).
Deve essere indicato nella dichiarazione UNICO al quadro RU – codice credito B9.
NON è soggetto al divieto di compensazione in caso di debiti iscritti a ruolo.
NON è soggetto a visto di conformità.
E’ fiscalmente irrilevante (NON concorre alla formazione del reddito – NON concorre alla formazione della base imponibile IRAP – NON rileva ai fini della determinazione della quota di interessi passivi deducibile ai sensi dell’art. 61 TUIR – NON rileva ai fini della determinazione della quota degli altri componenti negativi deducibile ai sensi dell’art. 109, comma 5 TUIR)
La mancata indicazione del credito in dichiarazione NON pregiudica il diritto alla sua fruizione
La stessa costituisce violazione formale (sanzione prevista per le “violazioni relative al contenuto e alla documentazione delle dichiarazioni” di cui all’articolo 8, comma 1, del decreto legislativo 19 dicembre 1997, n. 471 – da 250 euro a 2.000 euro), con possibilità di avvalersi del ravvedimento operoso.
Deve essere presentata apposita dichiarazione integrativa a favore entro il termine di presentazione della dichiarazione del periodo d’imposta successivo (in tal caso NON ci sono limiti alla compensazione).
Se la dichiarazione integrativa è presentata oltre detto termine, la compensazione potrà essere effettuata a decorrere dall’anno successivo a quello in cui la stessa è stata presentata (per i debiti maturati a decorrere da tale anno).
Il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione integrativa a favore coincide con i termini di accertamento ordinari ai fini IRES.

Criteri per identificare Ricerca & Sviluppo – manuale di frascati
1. Nuovo criterio di novità per l’impresa
2. Creativo criterio di creatività
3. Risultato non sicuro criterio di incertezza
4. Sistematico criterio di sistematicità
5. Trasferibile criterio di trasferibilità e di riproducibilità

Polizza Claims Made Risk del Revisore Legale: copertura € 1.000.000,00/anno per sinistro (CON CLAUSOLA POSTUMA)

Polizza Claims Made Risk (redazione del progetto): copertura € 500.000,00/anno per sinistro (CON CLAUSOLA POSTUMA)

Certificazione del metodo SKILL4TAX.

Esperienza

La nostra esperienza maturata attraverso analisi e studi ci ha portato ad una specializzazione significativa nei settori: 

Ricerca molecolare per cura malattie rare

Aziende produttive con spiccata vocazione ad innovare prodotti, servizi e processi

Industria manifatturiera

Industria tessile

Industria Chimica

Industria dei prodotti in legno, carta e stampa

Fabbricazione di Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio

Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici

Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche

Metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo

Robotica e automazione

Sede Operativa e Legale

Via Paolo da Cannobio, 33 – 20122 Milano

Seconda Sede

Via Sarzanese Nord, 5278 – 55054
Piano di Conca fraz. Massarosa (LU)

INPRES Italia - Istituto Nazionale Per Ricerca e Sviluppo
Sede Legale e Operativa: Via Paolo da Cannobio, 33 - 20122 Milano
Sede Secondaria: Via Sarzanese Nord, 5278 - 55054 Piano di Conca fraz. Massarosa (LU)
P.IVA 10466420964